lunedì 14 aprile 2014

X-Factor - X-Animations - Recensione in due parole

Collezione Gold
X-Factor – X-Animations
Testi: Peter David
Disegni: Joe Quesada e AA.VV.
Prezzo: € 15,00
Marzo 2014
Panini Comics
Nell’ultimo numero della rubrica Consigli per gli acquisti, ho accennato al fatto che Panini stia aprendo i rubinetti delle ristampe in modo inaspettato, rispetto a qualche anno fa, e dinamico per le ottime proposte che troviamo in giro.

Anni addietro era davvero impensabile trovare un numero così elevato di ristampe, anche di quel materiale che inevitabilmente è destinato ad un piccolo e ristretto gruppo di appassionati. [...]

Poco male, anzi benissimo, perché una così ampia offerta è solo un bene per noi modesti lettori, ed è solo un bene anche per le nuove leve, che magari hanno curiosità di leggere storie datate ma che nel tempo hanno lasciato una traccia indelebile per tante storie future. 

Il terzo volume di ristampe dedicato a X-Factor contiene X-Animations, una storia che ha fatto epoca. 

X-Animations è all’apparenza una storia semplice, dove i nostri protagonisti si devono confrontare con una situazione inaspettata. Una seduta dallo psicanalista.

Ventitré pagine di narrazione e dialoghi magnifici fatti su misura per ogni personaggio che si lascia scoprire dalle abili e agili parole di Peter David. 

In un racconto dalla struttura rigida, in poche pagine David approfondisce la psicologia dei personaggi con dialoghi sempre ben calibrati e con il giusto tono ironico.

A mio modesto giudizio, lo scambio di battute tra il dottore e Quicksilver è il più riuscito di tutti. David in tre pagine ci fornisce una solida spiegazione del perché Pietro sia sempre così presuntuoso e arrogante. 
Uno scambio di battute brillante e con l’uso di simbolismi efficaci che gli scrittori di comics emergenti dovrebbero leggere come se fosse Vangelo.

Naturalmente per la buona riuscita di questa storia non bisogna dimenticare anche Joe Quesada alle matite. Joe, anche se appesantito da inchiostri non adatti, ha la capacità di saper ritrarre i vari personaggi con le giuste espressioni utilizzando anche ottimi primi piani e una eccellente costruzione della tavola, tutta al servizio dell’ottima storia. 

Un brindisi agli amici assenti.

Parere personale





Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...