giovedì 16 maggio 2013

Valzer con Bashir. Breve recensione.

Qualche giorno fa vi parlavo dell'iniziativa del Corriere della sera che sta pubblicando l'ottima collana settimanale Graphic Journalism - il fumetto racconta la realtà.

Con l'uscita del terzo numero ho colmato una personale lacuna acquistando e leggendo Valzer con Bashir di Ari Folman e David Polonsky. [..]

Questo fumetto è nato dopo l’omonima pellicola di animazione che ha ottenuto diversi riconoscimenti a partire dalla sua partecipazione nella selezione ufficiale del Festival di Cannes 2008 fino ad arrivare alla vittoria del Golden Globe 2009 come migliore film straniero.

Personalmente non ho mai avuto occasione di vedere il film sopra citato ma, complice anche il basso prezzo della collana (€7.90), il volume è finalmente giunto tra le mie curiose mani.

La trama, tutto sommato, scorre via piuttosto linearmente e inizia con un vecchio amico del regista Ari Folman che racconta un incubo che lo perseguita nel quale 26 cani feroci lo inseguono. Gli stessi cani, ogni notte, sempre. 
I due giungono alla conclusione che c’è un legame tra il sogno e la loro missione che li ha coinvolti nelle file dell’esercito israeliano durante la prima guerra del Libano.
Folman scopre così di non ricordare niente di quel periodo ed inizia ad incontrare e intervistare vecchi amici e compagni d’armi in giro per il mondo.

Deve parlare con altri per ricordare quanto vissuto.

Più procediamo con la narrazione e più Folman ricorda. Ricorda dei commilitoni, ricorda della prima guerra libanese. Ricorda di cosa accadde nei villaggi palestinesi di Sabra e Chatila. Ricorda delle milizie cristiane libanesi. Ricorda come i soldati israeliani rimasero fermi mentre le milizie massacrarono due interi villaggi. Ricorda come anche i bambini furono messi spalle al muro e fucilati.

Ricorda. 
Un particolare della sua vita che la sua mente aveva rimosso. Un pò come accadde anche ai sopravvissuti dei campi di concentramento nazisti.

Nonostante la trama sia abbastanza lineare e semplice il fumetto funziona e si presenta come un forte impatto etico e civile.
Valzer con Bashir è il racconto senza tanti eroismi di un pezzo di realtà tanto violenta quanto feroce. Quello che abbiamo letto non è immaginato ma solo storia. Una storia tragica di una terra martoriata da troppe guerre per per noi occidentali sono di difficile comprensione.

La storia di un gruppo di soldati troppo giovani lasciati a guardare una strage a puro scopo di vendetta.

Un brindisi agli amici assenti.

Questo post parlava di:
Valzer con Bashir
Collana Graphic Journalism n°3
Testi Ari Folman
DisegniDavid Polonsky

Data pubblicazione: Maggio 2013

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...