lunedì 10 dicembre 2012

In giro si legge che... Karen Berger

"Sono stata incredibilmente orgogliosa di aver fornito una casa dove gli scrittori e gli artisti potessero creare storie provocatorie e all'avanguardia che ampliassero il campo di applicazione del fumetto, che attrassero un pubblico nuovo e diverso dalla narrazione grafica, vorrei ringraziare tutti i numerosi e talentuosi autori che hanno contribuito a rendere Vertigo una impronta audace e distintiva e sono grata a tutta la DC Entertainment ed a tutto il resto dei collaboratori per il loro sostegno e impegno per tutti questi anni. E 'stato un onore."
Karen Berger. Executive Editor Vertigo. [...]

Era nell'aria.
Lo si percepiva da tempo ma si faceva finta di nulla. Karen Berger, storica editor del marchio Vertigo ha rassegnato le dimissioni.

Brutto segno.
Cosa succederà ora allo storica sezione della DC Comics?

La chiusura della storica testata di Hellblazer è stata in questo senso un primo brutto segnale. Il secondo è stato il voler portare i personaggi cardine di questo brand sotto il simbolo DC.
Certo è che la Vertigo non vive un buon momento e molti autori (anche prestigiosi) preferiscono portare altrove le loro opere più personali.

La domanda ora è d'obbligo. Che fine farà il brand Vertigo?

Senza Karen Berger alle sue redini leggeremo più opere del carisma di Preacher, Sandman, Invisibles, 100 Bullets, Scalped, Fables, Y - The last man?

Ma soprattutto, che cacchio legge il sottoscritto se chiudono baracca i titoli Vertigo?

Non ci voglio nemmeno pensare.

Un brindisi agli amici assenti.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sul finire degli anni 80, in concomitanza con la british invasion nel comicdom usa, sono stati presi e trasfigurati dei personaggi secondari dell'universo supereroistico DC tradizionale e posti sotto un nuovo imprint (Vertigo) con l'intento di voler raccontare diversi tipi di storie e battere nuove strade. Ora invece si compie il percorso inverso e quegli stessi personaggi vengono reintrodotti nel filone mainstream da cui originariamente provenivano. Da parte della DC mi pare ciò stia a rivelare una perniciosa carenza di idee e di risorse creative (di cui è vittima da tempo un po'tutto il fumetto made in USA)e un comodo tornare indietro alla minestra già riscaldata, come lo sfruttamento dei personaggi di Alan Moore con l'operazione "Before Watchmen" sta ad evidenziare.
srav2574

La firma cangiante ha detto...

Ho scritto qualcosa al riguardo nel mio ultimo pezzo su Animal Man. Anche io sono preoccupato per le sorti della Vertigo e in generale per le sorti di tutto un modo di fare fumetto.

Però la prima cosa che ho letto dei personaggi Vertigo tornati all'ovile di Mamma DC (proprio Animal Man) non mi ha lasciato per niente insoddisfatto. Insomma è tutto da vedere, non è detto che ne vengan fuori per forza o soli prodotti edulcorati o mediocri. Aspettiamo ancora un po' e vediamo.

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...