lunedì 22 ottobre 2012

In giro si legge che... Grendel

In giro si legge che un altro grande personaggio verrà ristampato in dieci volumi da Panini Comics.

Grendel di Matt Wagner.

Come per Concrete, era finalmente necessario fare chiarezza anche su questo personaggio e proporre una serie di volumi cronologici per far conoscere al meglio una delle opere più oscure e particolari di Matt Wagner. [...]

I tanti editori che si sono susseguiti nella pubblicazione di questo personaggio (Star Comics, Magic Press e Planeta DeAgostini) non sono riusciti a mandare alla stampe tante miniserie che risultano tutt’ora inedite qui da noi.

Grendel è un fumetto atipico, è il male incarnato ed ha in Hunter Rose il suo protagonista principale. Anche dopo la sua morte. Soprattutto dopo la sua morte.

Si, perché in realtà il vero protagonista di queste storie è il male e la sua eredità, perché un Grendel ci sarà sempre nel corso dei secoli, perché egli è il male assoluto.

Per conoscere il piano dell’opera è ancora presto, ma spero vivamente che vedremo tra questi volumi anche tutto il materiale ancora inedito e, soprattutto, quelle Grendel Tales narrate da tanti autori ospiti che hanno fatto di Grendel un personaggio dalle tante sfaccettature interessanti.

Per conoscere quello di cui sto scrivendo vi consiglio di recuperare il volume Quattro demoni per un inferno (di Robinson e Kristiansen) oppure l’eccellente Demoni e morti (di Macan e Biukovic) entrambi editi da Magic Press qualche hanno fa.

Certo è che di questo passo Panini mi toglierà la voglia di leggere i miei tanto amati fumetti Marvel!

Un brindisi agli amici assenti.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

La prima parte della serie incentrata sullo scontro fra Hunter Rose e i suoi successori da un lato e il lupo Argent dall'altro non mi fa impazzire, poi però nel tempo la collana lentamente si trasforma in qualcosa di diverso in cui non c'e'più un vero protagonista tradizionale, divenendo una sorta di contenitore che consente ai diversi autori succedutisi di raccontare le loro storie il cui denominatore, come dicevi tu, è l'influenza del male sulla vita degli uomini. Lettura meritevole. Alcune tra le mie storie preferite: "Devil's choices" di Macan/Biukovic; "The devil may care" di LaBan/Doherty; "Devil child" di Shutz/Sale/Kristiansen; "War child" di Wagner/Mckewn/Mireault.

Federico "Fox" Foglietta ha detto...

Bhè... che dire? Concordo in pieno su tutta la linea. La prima parte era cosi cosi ma poi la serie parte a razzo anche grazie ai tanti autori che si sono susseguiti nel raccontare le storie dei vari Grendel.

P.S. War Child credo che sia incompiuta qua da noi. La prima parte era stata pubblicata dalla Star su Star Magazine.

P.P.S. Vedremo cosa combinerà la Panini.

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...