mercoledì 9 febbraio 2011

Forum Nucleare e pubblicità ingannevole

Oggi mi trovo costretto a fare uno piccolo strappo alla regola di questo blog e desidero parlare di una manipolazione dell’opinione pubblica attraverso l’uso di spot pubblicitari che hanno solo come scopo il ritorno del nucleare nel nostro Paese.

Tutto inzia con questa pubblicità.

Subito mi è sorto qualche dubbio.
In primo luogo, chi ha finanziato questa massiccia campagna pubblicitaria che ha coinvolto tutti i principali canali televisivi italiani e diverse riviste stampate?
Presto detto, Il Forum Nucleare Italiano è una associazione “no profit” che in realtà ha dietro Enel e EDF, ossia due dei maggiori colossi interessati agli appalti che si creerebbero in Italia con il ritorno al nucleare.
Lo spot all’apparenza invita al dialogo e al confronto le due frange contrapposte. Secondo voi, visti i committenti, sarà davvero neutrale? Io dico no.
La massiccia campagna pubblicitaria è andata in onda tra il 19 dicembre e l’8 gennaio, periodo dove in tv si registrano picchi di ascolto altissimi.
Nello spot tutto si gioca secondo una partita a scacchi con due voci fuori campo che espongono le ragioni del si e del no. I due avversari sono associati al bianco e al nero e, ovviamente il bianco (sinonimo di trasparenza) è associato al giocatore a favore del nucleare, mentre il nero (il buio, l’irrazionalità) è riservato all’antinuclearista.
Le informazioni dette dai due giocatori risultano quanto meno semplificate, ma appare dannatamente chiaro come il giocatore nuclearista sia quello con la strategia di gioco migliore dato che muove l’ultima pedina e quindi detiene l’ultima parola.
Le voci fuori campo sono decisamente pilotate in quanto appare molto più rassicurante quella nuclearista e nello spot risulta chiaro anche il tentativo di minimizzare le problematiche relative al ritorno al nucleare. Si toccano temi importati in modo superficiale come ad esempio la tecnologia di costruzione, non dicendo mai che quella che verrà utilizzata rischierà di essere già obsoleta una volta terminati gli impianti. Non si parla mai dei costi di produzione del nucleare e non vengono forniti dati in nessuna maniera. Nello spot si toccano problematiche strategiche come la scarsità dei combustibili nucleari e la futura indipendenza da altri Paesi in modo superficiale e troppo scontato.
Ma soprattutto, viene liquidata in modo sbrigativo la questione ambientale. Infatti nello spot non viene spiegato in che modo si posso smaltire le inevitabili scorie. La realtà dei fatti è che il ritorno del nucleare non è la risoluzione al problema dell’energia. Sarà solo un enorme affare per chi riuscirà un giorno a metterci le mani.
Trovo preoccupante che lo spot incriminato sia stato pagato anche con soldi nostri, dato che Enel è una società privata, ma a capitale pubblico.
Le manipolazioni della comunicazione televisiva in favore del nucleare sono iniziate in grande stile. Forse la tv in questi casi è decisamente meglio spegnerla.
In rete si trovano tante parodie allo spot del Forum. Magari, il giorno di Natale su Canale 5, potevano trasmettere questa.

Un brindisi agli amici assenti.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...