martedì 11 maggio 2010

Sfogliando il passato - Nick Fury contro Shield

Nick Fury contro Shield
Testi: Bob Harras
Disegni: Paul Neary
Novembre 1989
Edizioni Play Press

E’ stata tutta colpa di questa miniserie.
E’ stata tutta colpa di Nick Fury contro Shield se oggi mi ritrovo la casa invasa di albi e volumi a fumetti.
E pensare che ero brillantemente uscito da questo tunnel fatto di carta, storie e immagini disegnate. E’ bastato un solo semplice albo, un semplice acquisto spinto dalla curiosità, per farmi ricadere nella dipendenza cronica da tavola disegnata.
Magari a rileggerla oggi questa miniserie, pubblicata negli Stati Uniti nel 1988, potrà sembrare forse un po’ datata, ma per chi vi scrive conserva tutto il fascino della prima lettura.
Con una trama solida, Bob Harras tesse una spy-story veramente godibile e trascina Nick Fury a combattere contro tutto quello per cui ha lottato, vissuto e aiutato a costruire negli anni come direttore dell’agenzia governativa chiamata Shield. Il nostro Nick si troverà a dover imparare a sue spese che nulla è veramente come sembra è che tutto ciò che conosce e ha vissuto negli ultimi anni è solo una menzogna.
Mi piace ricordare Bob Harras solo come sceneggiatore, infatti porta la sua firma uno dei più bei cicli dei Vendicatori, e non come uno dei peggiori Editor in Chief della Marvel Comics (ricordo solo che è stato capace di far allontanare Chris Claremont dalle storie degli X-Men).
Forse a sfogliare oggi le tavole di questa miniserie quello che fa più sorridere sono i disegni di Paul Neary. Onesto disegnatore, nella sua carriera ha sicuramente però dato il meglio di sè come inchiostratore dell’amico Alan Davis. In Nick Fury contro Shield le tavole di Neary risentono decisamente il peso del tempo e peccano come dinamica nelle tante scene d’azione.
Un grazie sincero a Nick Fury, Bob Harras, Paul Neary e alla Marvel per avermi fatto ricadere nel tunnel della dipendenza da tavola disegnata. Senza di loro mi sarei perso non solo opere di straordinaria bellezza ma anche semplici albi che non hanno lasciato il segno.
Spero solo che mia moglie abbia pazienza e mi sopporti ancora nonostante che ho invaso la nostra casa di albi e volumi a fumetti.

GIUDIZIO IN SINTESI
Storia: 7.5
Disegni: 5.5
Redazionali: 5
Edizione italiana: 6
Valore affettivo: 10

2 commenti:

Andrea Marinelli ha detto...

Ahaha!! Non sapevo che la tua "ricaduta" fosse colpa di questa mini! Anch'io la ricordo con molto piacere, era davvero divertente.
Al buon Neary darei almeno 6 comunque (all'epoca si vedeva ben di peggio tutto sommato!). Mitiche le cover di Steranko!

Federico "Fox" Foglietta ha detto...

Risfogliando l'albo oggi fa un pochino sorridere... Si le cover erano veramwnte belle e non solo quelle di Steranko....

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...