mercoledì 7 aprile 2010

L'albero della vita

The Fountain – L’albero della vita
Testi: Darren Aronofsky
Disegni: Kent Williams
Anno 2009
Planeta De Agostini

Aronofsky è un regista cinematografico.
Questo volume è frutto del desiderio del suo autore di realizzare questa storia visti i continui problemi che ha avuto per realizzarne il film.
Con notevoli problemi di budget e quindi anche gli obbligati licenziamenti del suo staff, Aronofsky ha combattuto per far si che si potesse quanto meno leggere la storia sotto forma di graphic novel. Alla fine il regista ha vinto la sua battaglia ed è riuscito ad autoprodursi la pellicola in Canada con un budget ridottissimo e parallelamente è riuscito anche a mandare alle stampe la graphic novel sotto il marchio Vertigo della DC Comics.
The Fountain è una storia d’amore ma è anche una lettura abbastanza ostica. Tocca molteplici temi. Si passa dal rapporto tra uomo e donna, tra le malattie terminali, tra la nostra umanità e la natura che ci circonda. E’ la storia del dott. Creo, scienziato che dopo la morte della moglie dovuta al cancro, rivolge tutte le sue energie verso la possibile cura di questa malattia. In un incastro di scene tra realtà e finzione, il protagonista si trova a combattere nel romanzo incompiuto della moglie ambientato ai tempi dei conquistadores e la triste realtà nuda e cruda della sua impotenza contro la terribile malattia.
Al centro di tutta la trama della graphic novel abbiamo l’Albero della vita, l’oggetto della ricerca del romanzo della moglie, lo stesso albero citato nella Bibbia ed oggetto di culto dalla civiltà Maya. Come già detto The Fountain è una lettura ostica sia per i continui cambi temporali che spesso spiazzano il lettore, sia per le scelte grafiche di Kent Williams.
Eccellente pittore, Williams, tra queste pagine compie scelte grafiche particolari che mutano a seconda dei momenti in cui ci troviamo. Il disegnatore ha scelto di non rappresentare figure umane lineari e spesso l’anatomia non è perfetta. Questo tipo di rappresentazione può essere riconducibile al desiderio di angoscia e instabilità che prova il nostro protagonista. The Fountain è una lettura complicata ma sicuramente consigliata, sia per gli argomenti trattati sia perché ai pennelli troviamo Kent Williams, autore non molto prolifico che va sicuramente ammirato.

GIUDIZIO IN SINTESI
Storia: 6.5
Disegni: 7
Redazionali: 7.5
Edizione italiana: 8

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...